logo

Lari Contemporanei di Enzo Battarra

C’è un confine sottile che separa il naturale dall’artificiale. E più avanza una certa cultura tecnologica, più ci si rende conto che l’artificio produce sempre più una natura innaturale.

Angelo Maisto lavora consapevolmente su questo sottilissimo limite, mantenendo un approccio scientifico e ironicamente tecnicistico rispetto a una materia artistica in divenire. Sembra che l’evoluzione naturale della specie stia generando esseri capaci di rivoluzionare catalogazioni e classificazioni, che però di naturale non hanno proprio più nulla.

Hanno forme affascinanti, sì, e divertenti questi piccoli mostri nati dalla contaminazione di materiali multipli, ma nati soprattutto dalla fervida creatività di Angelo Maisto. Sono esseri innaturali, sono i primi esemplari di un nuovo bestiario. Alcuni sono antropomorfizzati, altri hanno caratteristiche zoomorfe parallele rispetto agli originali viventi. Di certo sono così paradossali da apparire veri.

Lascia un commento

*

captcha *